Menu di Pasqua per I-Care e Italia Senza Vivisezione: Crumble di fragole

7

 

Cari amici, eccoci trovati per l’ultimo capitolo del menu di Pasqua pensato per  Italia senza vivisezione e  I Care. Col dolce chiudiamo il pasto delle feste e per me inizia un periodo in cui mi assenterò dal blog, salvo qualche eccezione eh! Ho accumulato tanti impegni concentrati in questo periodo e sento il bisogno di lasciare andare temporaneamente qualche cosa, ma non temete, non vi sto abbandonando, anzi, sto preparando qualcosa di bello anche per voi, se avrete la pazienza di aspettare. Spero capirete, a volte dobbiamo fare i conti con i nostri limiti, e  “qualcuno” deve farli anche con la tendenza a cercare di cogliere ogni opportunità per paura che quel treno non passi 2 volte. Ad ogni modo spero continuerete a seguirmi, anche su facebook dove continuerò a postare (magari mentre faccio qualche coda, o al semaforo, o nei momenti più strani in cui tutti tiriamo fuori lo smartphone e ottimizziamo il tempo). E’ un anno davvero strano, questo, mi stanno accadendo tantissime cose, molte delle quali positive, ma davvero impegnative. Ce la farò??? Ce la farò!!! Si ma voi mandatemi energia positiva, che sono un po’ allo stremo! Non dico certo che sentirete la mia mancanza, ma se talvolta qualcuno volesse scrivermi un pensiero mi farà come sempre davvero piacere. Un grande abbraccio e a presto, prestissimo!

Ingredienti per 4 monoporzioni:

500g di fragole mature

100g di farina di mandorle

100g di farina integrale

60g di olio di semi di girasole

60g di zucchero integrale di canna + 2 cucchiai

la scorza grattugiata di un limone

un pizzico di sale

Tagliate le fragole a pezzettini, mescolatele con 2 cucchiai di zucchero di canna e distribuitele in 4 cocottes monoporzione. Preparate il crumble mescolando con la punta delle dita tutti gli altri ingredienti fino a ottenere un impasto “sbricioloso”. Distribuite il crumble sulle fragole e infornate a 200° per 15 minuti. Servite immediatamente  e buon appetito!

Menu di Pasqua per I-Care e Italia Senza Vivisezione: Sformato di piselli e asparagi con insalata primaverile

4

Buon martedì, cari amici, oggi vi presento la ricetta per il secondo e il contorno del del menu di Pasqua pensato per  Italia senza vivisezione e  I Care. Tradizionalmente in queste festività le uova spopolano sulle tavole, ma è davvero facile sostituirle, ricevendo l’eterna gratitudine delle galline, con la farina di ceci per creare deliziose frittatine e sformati, come quello che ho pensato per voi, a base di piselli, asparagi ed erbette aromatiche che potete coltivare sul vostro davanzale o nel vostro giardino. Come contorno non c’è nulla di più semplice e sano di un’insalata, magari arricchita con qualche fiore o erbetta spontanea che avrete la cura di raccogliere in posti non troppo inquinati (ad esempio l’aiuola spartitraffico in tangenziale non è il posto ideale, anche se presenta un alto indice di  biodiversità!). Avete già pensato a cosa cucinare domenica?

 

 

 

6

Ingredienti per 4/6 porzioni:

Per lo sformato

150g di farina di ceci

450g di acqua

300g di piselli

un cipollotto

500g di asparagi

2 cucchiai di erbe aromatiche fresche tritate (menta, melissa, origano,…)

mezzo bicchiere di olio di oliva

succo di limone

sale

pepe

Preparate una pastella con la farina di ceci e 450g di acqua, lasciatela riposare per qualche ora in frigorifero. Portate a ebollizione abbondante acqua in un tegame, versatevi i piselli e lessateli fino a quando saranno teneri, infine scolateli. Versate l’olio in una pirofila e inclinandola ungetene tutta la superficie e i bordi. Unite alla pastella i piselli, le erbe aromatiche, il cipollotto affettato, sale e pepe, mescolate e versate nella pirofila. Pulite i gambi degli asparagi eliminando la parte esterna più dura se necessario e disponeteli sullo sformato. Cuocete in forno a 180° per un’ora circa. Lasciate raffreddare e servite con una spruzzata di succo di limone. Potete preparare lo sformato il giorno prima, avendo l’accortezza di lasciarlo fuori dal frigorifero per un’ora prima di servirlo.

Per l’insalata primaverile

insalata da taglio mista

rucola

tarassaco

fiori di violetta

un pezzo di cipollotto

semi di girasole

olio extravergine di oliva

aceto balsamico

sale

Pulite l’insalata, la rucola, il tarassaco e i fiori di violetta, affettate il cipollotto, tostate i semi di girasole in padella per un paio di minuti, mescolate tutto e condite semplicemente con olio, aceto balsamico e sale.