Tortelli ripieni di topinambur aromatici

IMG_2171

Bentrovati carissimi lettori fedeli o casualmente di passaggio, come procede la vostra vita? La mia oscilla tra i suoi alti e bassi, come è normale che sia, l’importante è mantenersi concentrati sulle cose importanti, sulle priorità. In questi giorni anche la primavera sembra avere alti e bassi, così quando c’è il sole fervono i lavori nell’orto: il diserbo manuale della “carissima” gramigna, la progettazione e l’installazione di un impianto a goccia che spero quest’estate mi salvi la vita (o almeno la schiena), la pacciamatura con la paglia biologica, le ultime semine e i primi trapianti, la raccolta delle erbe spontanee, soprattutto ortiche, tarassaco e piantaggine, che abbondano attorno a casa. Nelle giornate più piovose o ventose ci si concentra sulle attività domestiche, come preparare pane e pizza con la pasta madre che per miracolo non ho ancora ucciso e che sta dando grandi soddisfazioni (soprattutto sul fronte pizza!), le pulizie, i lavoretti da “ciappinaro” e la lettura, tanta lettura, a dire il vero, ultimamente! Tra le varie cose fatte, ho realizzato un oleolito di tarassaco che utilizzerò per preparare un unguento da massaggio per il prossimo inverno aggiungendo cera vegetale di candelilla e olio essenziale di lavanda, usando come base questa ricetta. Viste le previsioni meteo, che preannunciano un altro fine settimana piovoso,, vi lascio la ricetta di questi tortelli che abbiamo preparato domenica scorsa e che ci sono particolarmente piaciuti. E voi come passate il tempo libero in questi giorni?

IMG_2164

Ingredienti per 4 persone:

400g di semola di grano duro + per infarinare il tagliere

500g di topinambur

una cipolla dorata

2 cucchiai di pasta di nocciole

un cucchiaino di foglie di timo fresco

la scorza grattugiata di mezzo limone bio

mezzo cucchiaino scarso di curcuma in polvere (facoltativa, serve come colorante per la pasta)

olio evo

sale

pepe

per condire:

olio evo

pepe

foglie di timo fresco

Procedimento: preparate la pasta mescolando la farina e la curcuma, aggiungete poi un paio di cucchiai di olio e acqua tiepida poco alla volta. Dopo aver impastato a lungo, coprite l’impasto e lasciatelo riposare. Pulite i topinambur e tagliateli a pezzettini, cuoceteli al vapore, in questo modo rimarranno più asciutti. tritate la cipolla finemente, fatela appassire in poco olio e aggiungetevi i topinambur dopo averli schiacciati grossolanamente con una forchetta. Aggiungete anche il timo, la scorza di limone e la pasta di nocciole che amalgamerete per bene. Salate e pepate, poi fate raffreddare. Tirate la pasta ( io ho usato la nonna papera a manovella, dando come spessore quello corrispondente al 6 della rotella laterale), componete i tortelli con l’impasto, ritagliateli con un coppapasta, con un bicchiere o con qualsiasi cosa abbia una forma tonda e la giusta dimensione, e infine sigillate i bordi con una forchetta. Mettete abbondante acqua salata a bollire e lessate i tortelli buttandone pochi alla volta. Scolateli con una ramina e conditeli con l’olio che avrete scaldato, ma non fatto friggere, e a cui avrete aggiunto il timo fresco e una spolverata di pepe. Buon appetito!

 

IMG_2153

Miele di tarassaco

IMG_2147

Bentrovati cari lettori, la ricetta che vi propongo oggi volevo prepararla da molto tempo, dopo averla assaggiata grazie al dono di un’amica. Si tratta di una ricetta antica per preparare un miele di tarassaco senza l’intervento delle api. Nel mio giardino, in questi giorni, c’è una vera e propria esplosione di questi fiori, così ne ho approfittato e ne ho preparato 8 vasetti che mi dureranno per parecchi mesi. Questo miele, o sciroppo se la parola miele non vi piace, si può usare in mille modi, e al gradevole sapore si aggiunge l’effetto benefico dei fiori di tarassaco. Pare che questa preparazione sia utile in caso di tosse, ma provatela anche sullo yogurt di soia coi cereali, o per dolcificare bevande caldo o fredde. L’unica accortezza da usare è quella di cercare un posto relativamente poco inquinato in cui cogliere i fiori. Il tarassaco è una pianta benefica e molto versatile, oltre al miele si può usare per frittate, insalate, tisane e infusi, come contorno o ripieno di torte salate, per frittelle e i boccioli si possono conservare come capperi, ma di questo parliamo nella prossima ricetta! E voi usate questa pianta? In che modo?

IMG_2150

Ingredienti per 8 vasetti circa:

350 g di fiori freschi di tarassaco

1,5 l di acqua

1,5 kg di zucchero di canna

3 limoni non trattati

Procedimento:  lavate i fiori per eliminare le impurità e metteteli in una pentola con l’acqua e i limoni tagliati a fette. Fate bollire per un’ora, poi filtrate il liquido e buttate la parte solida. Unite lo zucchero al liquido, mescolate e fate bollire a fiamma bassa per circa 2 ore. Versate il miele nei vasetti, chiudeteli e conservateli fino all’utilizzo.

IMG_2142