Cosa si mangia a Pasqua?

Bentrovate Caprette, le festività di Pasqua si avvicinano, e con esse il ponte, che a Ferrara si prolunga per via del patrono che cade il 23 aprile.  Sono sicura che molti di voi staranno pensando di notte fissando il soffitto a cosa cucinare per il pranzo di domenica. Ok, forse ho esagerato, però sono sicura che anche quest’anno moltissime persone si faranno il regalo di decidere felicemente di non sacrificare dei poveri agnellini, e di strafogarsi di ogni ben-di-Dio che Madre Natura ci offre senza crudeltà. Per chi fosse in cerca di qualche idea last minute ho selezionato alcune mie ricette, alcune vecchissime, che forse vi farà piacere rileggere. Le ho suddivise per portata per facilitarvi la lettura! Sono curiosa di sapere cosa mangerete, se vi va lasciate un commento qui sotto!

Buone, serene, pacifiche e felici feste a tutti!!!

Antipasti

Sigara Boregi

sigara boregi

Terrine di asparagi con crackers ai semi

terrine di asparagi

Frittelle di sambuco al pepe rosa

frittelle sambuco

Mini frittatine con foglie di aglio e mentuccia

minifrittate foglie aglio

Salata de vinete cu maioneza

salata de vinete cu maioneza

Primi

Lasagna in viola

lasagna

Cappellacci

cappellacci

Tagliatelle al pesto di allium triquetrum

IMG_9871

Strichetti col ragu di fave

strichetti ragu di fave

Tortelli alle erbette

tortelli 1

Gnocchi di spinaci e ricotta di soia

gnocchi spinaci ricotta di tofu

Garganelli al pesto

garganelli strigoli

Secondi

Cotolette di tofu alle erbe

cotolette tofu erbe

Polpette di borlotti

IMG_8785

Puntarelle e ceci

puntarelle e ceci

Polpette con patate e bietola

polpette patate bietola

Wurstel vegetali autoprodotti

wurstel erbe

Polpette di fave e grano saraceno alle erbe

IMG_3861

Spiedini marinati di tofu, carote e zucca

spiedini di zucca cosmica

Contorni

Carote glassate all’aneto

IMG_0913

Patate arrosto al limone

patate limone

Insalata di carciofi

insalata carciofi peperoni senape

Dolci

Tofu-cake al limoncello e sciroppo d’acero

tofu cake

Budino di latte di riso e robinia

budino riso robinia

Torta di mandorle

torta di mandorle e arancia 

Crema Budwig

crema budwig

Non si finisce mai di imparare, lo sapevo, ma probabilmente ero l’ultima a non conoscere la ricetta della crema Budwig, ideata dalla farmacista Johanna Budwig e  diffusasi grazie alla dottoressa Kousmine, a cui si deve l’invenzione dell’omonimo metodo Kousmine. Dovevo proprio partecipare ad un corso che sto seguendo per lavoro  per colmare questa lacuna e scoprire un piatto davvero ben bilanciato per la colazione. Oltre che contenere moltissimi elementi che ci nutrono in modo sano, ci permette anche di assorbire gli zuccheri lentamente, senza eccessivi picchi glicemici, in modo da “tirare avanti” tutta la mattina senza fatica. La crema Budwig è indicata anche per i bambini, per le gestanti e per chi allatta, l’unico caso in cui non viene consigliata è in presenza di patologie tumorali, perchè favorirebbe l’accrescimento cellulare. Uso il condizionale perchè come sapete io sono una profana, non sono un medico, quindi se volete sapere cosa ne pensa la scienza dovete rivolgervi a qualcuno più formato di me, come sempre. Il parere medico è insostituibile, i medici che non vi soddisfano invece sono sostituibili (ad esempio se il mio medico mi consigliasse unicamente la bistecchina al sangue per l’anemia scapperei via a gambe levate cercando qualcuno che mi consigli qualcosa di più sano). Insomma, come si prepara questa crema? Forse esiste ancora qualcuno che lo impara dopo di me, quindi condivido volentieri questa nuova conoscenza.

IMG_4590

La crema Budwig è composta da 7 elementi diversi che dovete amalgamare, io ve la propongo nella versione 100% vegetale e con le dosi che mi hanno indicato al corso:

1) un cucchiaio e mezzo di semi di lino appena  tritati in un macina-caffè oppure un cucchiaio di olio di semi di lino (attenzione, l’olio di semi di lino è molto deperibile, intanto dovete acquistarlo in banco frigo ed avere la certezza che non sia stato trasportato o lasciato a contatto con il calore, se no fate a meno di comprarlo. Se lo acquistate dovete poi consumarlo in pochi giorni per evitarne il deterioramento, insomma, è molto più sicuro investire qualche euro in un macina-caffè e tritarsi i semi all’occorrenza con brevi scatti, per evitare che le lame si surriscaldino). I semi di lino sono ricchissimi di Omega 3, vanno macinati per trarne i benefici, altrimenti verranno espulsi intatti dal vostro apparato digerente (ditemi che mi sono spiegata!!). In alternativa ai semi di lino potete usare, qualche volta ma raramente, una manciata di noci.

2) un cucchiaio di cereali in chicco o in fiocchi appena macinati. E’ preferibile usare cereali diversi a rotazione, evitando il grano perchè quello lo mangiamo attraverso il pane, la pasta, praticamente ovunque. Io ho in casa anche fiocchi e chicchi di avena, orzo, farro, riso integrale… (se usate cereali integrali è preferibile che siano biologici, o rischiano di essere ancora più inquinati di quelli raffinati)

3) un cucchiaio di frutta secca appena macinata, ad esempio mandorle, semi di zucca, di girasole, di sesamo, nocciole, noci,…

4) il succo di mezzo limone

5) una banana piccola matura schiacciata o mezza banana grande

6) 100g circa di frutta di stagione schiacciata o a pezzi, ad esempio ora sto usando le fragole

7) 120g di yogurt di soia al naturale non frullato ma aggiunto e mescolato alla fine per mantenere in vita i fermenti. Questa è la parte proteica. (Quando avrò preso maggior confidenza proverò anche la versione con i fagioli azuki rossi frullati)

E’ più lunga a scriversi che a prepararsi, ve lo garantisco, il tempo necessario sono 5 minuti e non serve cuocere. Se avete tutti gli ingredienti in casa pronti all’uso farete in un battibaleno!

Mentre scrivevo mi sono resa conto di una cosa, sul blog non ho dato molto spazio alla colazione, che è invece il pasto più importante perchè segue il digiuno notturno, quindi da oggi si aggiunge anche questa categoria, e prometto di documentarmi e di proporvi anche altre ricette. E voi cosa mangiate a colazione?IMG_4599

 

100% veg monday logo