Rieska, il pane finlandese, e alcune novità

IMG_2412

Bentrovati, cari affezionati lettori, spero che stiate al vostro meglio, godendo di riposo, venticelli serali, bei paesaggi e tutto quello che di buono l’estate può offrirvi. Qui in campagna ci beiamo di albe, tramonti e i prodotti dell’orto, soprattutto zucchine e cetrioli, e negli ultimi giorni una produzione molto abbondante di pomodorini, anche se le cimici sono già arrivate.  Alla sera ci piace cenare in giardino assieme ai gatti fino a quando fa buio, allora accendiamo qualche candela e ci godiamo il fresco sotto i vecchi noci. Di giorno il caldo e l’umidità sono impegnativi, ma per ora non troppo. Quest’anno con ogni probabilità non faremo molte vacanze, a dire il vero abbiamo altri progetti: tra qualche giorno è prevista la nascita del nostro amato primo bimbo, che aspettiamo con gioia e curiosità da mesi, e che vogliamo accogliere dedicandogli tutte le attenzioni e le cure che merita. Se non mi leggete per un po’ sappiate che il motivo è questo!

Vi lascio, per ingannare il tempo nell’attesa del mio ritorno, la ricetta di questo pane finlandese, leggero e senza lievitazione. Prepararlo è semplice e potete farlo anche  coi bambini, magari facendo schiacciare a loro le patate. Noi l’abbiamo mangiato con un formaggetto fresco a base di yogurt di soia condito con limone, sale, pepe e tante erbette dell’orto. Vi lascio anche qualche foto della vita attorno a casa nostra, accompagnata da questa bella frase di Peppino Impastato che ho letto stamattina e che mi ha fatto riflettere nuovamente su quanto quel che ci circonda ci influenza e su quanto siamo noi i primi responsabili della bellezza nella nostra vita:

“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà.  All’ esistenza di orrendi palazzi sorti all’ improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.” (Peppino Impastato)

Spargete bellezza!

peppino

Ingredienti per 4 persone:

300 g di patate lesse

100 g di farina integrale di orzo

mezzo cucchiaino di sale integrale fino

acqua qb

Procedimento: Schiacciate le parare accuratamente con una forchetta, unitevi il sale e la farina e impastate con le mani. Aggiungete qualche cucchiaio di acqua fredda (2 o 3 circa) per legare l’impasto e suddividetelo in 4 parti. Schiacciate le palline con le mani su una teglia rivestita di carta forno e date la forma di piadine. Cuocete in forno caldo a 200° per circa 20 minuti o fino a quando il pane inizia a dorarsi. Servitelo con formaggi vegetali e salse, e buon appetito!

IMG_2458IMG_2456 IMG_2470 IMG_2469IMG_2491 IMG_2492 IMG_2496 IMG_2506 mirti logo

IMG_2434 IMG_2439

Torta al labneh e fragole

IMG_2214

Bentrovati cari lettori, siete in forma? Tre giorni fa era il compleanno della mia dolce metà, e vuoi non preparargli una tortina? Ne ho scelto una che so che gli piace molto, ricorda un po’ la New York Cheesecake, ma per prepararla ho sostituito il formaggio spalmabile con un labneh vegetale. Per chi non lo sapesse, il labneh è un formaggio di origine mediorientale preparato filtrando lo yogurt in modo da fargli perdere il siero. Si ottiene così una crema molto densa, adatta sia a preparazioni dolci che salate (ad esempio, condito con un po’ di succo di limone, sale e pepe e qualche erba aromatica fresca è un formaggetto squisito da spalmare sul pane). Per la guarnizione potete usare marmellate, cioccolata, sciroppi, quello che preferite. Io ho approfittato della stagione delle fragole e l’abbinamento è azzeccato!

IMG_2219

Qui in campagna la primavera è esplosa, e io sono molto affaccendata nell’orto, per estirpare quanta più gramigna mi riesce, anche se la mia schiena ne risente parecchio in questo periodo visto che, non potendo momentaneamente usare la zappa, devo stare a carponi per ore e procedere manualmente. Ho a disposizione una buona quantità di erba medica secca che sto usando come pacciamatura, ma l’infingarda gramigna trova sempre il modo di riemergere. Cercando sul web informazioni su orti sinergici & co. si trovano solo foto di orti perfetti, senza una infestante nemmeno per sbaglio. Ecco sono arrivata alla conclusione che ci sia dietro un sapiente uso di photoshop, come per le attrici che si tolgono la cellulite a colpi di mouse, mi pare evidente! Non sarò io l’unica vittima di questa simpatica erbetta, vero?! Il mio orto non è propriamente sinergico (video esemplificativo qui), non ho preparato i bancali, è tutto a livello del terreno, e dell’orto sinergico ho adottato le consociazioni tra le piante, l’impianto a goccia e la pacciamatura in paglia. Ho scelto di non adottare il metodo dei bancali perchè li trovo poco pratici sul lungo periodo, il mio terreno è argilloso, va arricchito e quindi lavorato, inoltre la grandissima presenza di infestanti mi imporrebbe di distruggere i bancali una tantum per ripulire, così per il momento rimaniamo a livello del terreno. Per il momento insomma si studia cosa succede nel terreno, che erbe arrivano, quali insetti predominano, si cerca di arricchire e si impara sbagliando. E voi siete ortolani della domenica come me? Come ve la cavate?

IMG_2217

Ingredienti:

per la base

150 g di biscotti vegetali secchi

80 g di olio di cocco

2 cucchiai di zucchero di canna

per la crema

un kg di yogurt di soia al naturale

50 g di fecola di patate

100 g di zucchero di canna

100 ml di panna vegetale per dolci

il succo di un limone

mezzo cucchiaino di curcuma (facoltativo)

per la guarnizione

500g di fragole mature

2 cucchiai di zucchero di canna

un cucchiaino di agar agar

Procedimento: per prima cosa mettete lo yogurt a scolare per almeno 4 ore in un colino a maglia fitta oppure in una garza, in modo che perda il siero  e diventi compatto. Io ho usato uno strofinaccio da cucina pulitissimo che ho chiuso con uno spago e appeso a un pensile della cucina (foto esemplificativa qui). Mentre lo yogurt si compatta, preparate la base. Sciogliete a fuoco basso l’olio di cocco (in alternativa potete usare qualsiasi burro vegetale ), frullate finemente i biscotti e unitevi l’olio e lo zucchero. Rivestite una tortiera alta a cerniera con carta forno e ungetela, versatevi il composto di biscotti e con una forchetta compattatelo molto bene sul fondo. Mettetelo in frigorifero a raffreddare per qualche ora. Preparate la crema mescolando 600g di yogurt scolato con tutti gli altri ingredienti, facendo attenzione a non lasciare grumi. Versate la crema sulla base e infornate a 180° per 60 minuti. Se la superficie si inizia ad abbrustolire coprite la tortiera con carta stagnola e continuate a cuocere. Quando la torta è cotta sfornatela e preparate la guarnizione. Tagliate le fragole a dadini e mettetele sul fuoco con lo zucchero. Cuocete per qualche minuto e quando avranno  rilasciato il loro liquido aggiungete l’agar agar e mescolate. Fate bollire per un minuto e versate il composto sulla torta, lasciate raffreddare completamente prima di aprire la cerniera e infine servite. Buon appetito!

IMG_2221 IMG_2230 IMG_2233