Tarte Tatin integrale

tarte tatin

 

Bentrovati cari lettori, parto subito col confessarvi che un paio di settimane senza postare ricette mi hanno aiutata a ritrovare il desiderio di farlo. Quando le cose diventano una routine per me si fanno più difficili, che ci volete fare, sono fatta così! Questo blog è nato inizialmente per auto-sostenermi nel passaggio da una alimentazione vegetariana a vegan, poi, vedendo che diventava sempre più seguito, ho deciso di aggiornarlo con regolarità in modo da diventare io stessa un sostegno a chi stesse cercando di cambiare alimentazione dando qualche spunto. E’ il mio piccolo, davvero piccolo, contributo alla causa animale, perchè è questa la mia principale motivazione, il forte sentimento di ingiustizia che provo quando vedo un animale sfruttato o ucciso. Le questioni salutistiche per me sono subentrate dopo, non avendo mai avuto grossi problemi sanitari quando mangiavo di tutto un po’. Ovviamente cerco di prendermi cura di me stessa nel modo che ritengo migliore, quindi va da sè che cambiando alimentazione ho iniziato a leggere articoli scientifici che mi spiegassero senza tanti esoterismi come seguire una dieta bilanciata. Non faccio parte delle persone che demonizzano la scienza, la trovo fondamentale, ma deve assolutamente diventare anche etica e possibilmente più indipendente dai poteri economici. Vorrei anche che la scienza imparasse a comunicare con le persone, e ad interpretare lo spirito dei tempi, in tal modo i vari guru e santoni che propongono cure miracolose e diete strane e assolutamente pericolose avrebbero sempre meno spazio. Ma una cosa alla volta! Insomma, sono più di tre anni che porto avanti questo piccolo blog che mi ha dato tanto, ho conosciuto persone davvero belle, ho ricevuto anche delle critiche, a volte espresse in maniera maleducata e offensiva, ma va bene, fa parte dell’essere su internet! Ho avuto la possibilità di collaborare a bellissimi progetti editoriali, sono uscita un po’ realmente e un po’ virtualmente dalla mia tana di orsa bruna, e mi sono occupata di qualcosa che amo, il cibo buono e il buon cibo! Non sono una cuoca, non lavoro nel settore, nella vita faccio decisamente altro, anche se probabilmente nessuno lo sa perchè ho le mie esigenze di privacy. Non ho studiato da dietista o nutrizione olistica o qualsiasi altra cosa possiate pensare, semplicemente un’ora prima di pranzo apro il frigorifero ed improvviso, quando riesco fotografo quello che ho “messo insieme” e lo condivido con chi potesse essere interessato. Se questo può contribuire anche pochissimo a fare in modo che vengano uccisi meno animali continuerò a farlo fino a quando mi sarà possibile e ne sarò felice! Non ho mai considerato l’attività di blogger come qualcosa di speciale, perchè speciali sono tutti gli attivisti che si mettono in pericolo per difendere le proprie idee e i diritti di tutti, sono i medici che cercano vie etiche per curare le malattie, sono quelli che ogni giorno hanno voglia di parlare con le persone per spiegare il loro punto di vista. Io a confronto faccio davvero poco, ma questo poco voglio continuare a farlo con lo stesso entusiasmo e la stessa passione! Tutto questo per dirvi che inizia un altro anno assieme e vi auguro di cuore che sia bellissimo!!!

Ma passiamo a qualcosa di più edificante dei miei vaneggiamenti: ecco la ricetta per una semplicissima Tarte Tatin di mele, il tipico dolce francese nato da un errore ed entrato nella storia della cucina. La mia rielaborazione, fotografata in 30 secondi prima che venisse sbranata dai miei famelici parenti, è come sempre 100% vegetale ed anche integrale, così ci sentiremo meno in colpa, e da domani, 7 gennaio, tutti a dieta! (Perchè lo so che anche voi avete messo su un paio di chiletti nelle ultime 2 settimane…)

Ingredienti per 4 persone:

per la pasta

140g di farina integrale

50g di olio di semi di girasole

40g di acqua fredda

un pizzico di sale

per la farcia

2 mele sbucciate e tagliate a fette

3 cucchiai di olio di semi di girasole

3 cucchiai abbondanti di zucchero integrale di canna

Procedimento: in un tegame o una teglia del diametro di 20cm che possa andare sia in forno che sul fuoco versate 3 cucchiai di olio, spolverate con lo zucchero e disponete le fette di mela a raggiera. Mettete il tegame sul fuoco a fiamma vivace fino a quando lo zucchero inizia ad imbiondire, circa 10-15 minuti. Nel frattempo preparate la pasta mescolando tutti gli ingredienti, stendetela dandole una forma circolare leggermente più grande del tegame. Quando lo zucchero è caramellato togliete il tegame dal fuoco e disponete l’impasto sulle mele, ripiegando i bordi verso il basso. Mettete il tegame nel forno preriscaldato a 225° per 15 minuti, poi abbassate a 180° e cuocete per altri 15 minuti. Quando è trascorso questo tempo mettete un piatto più grande del tegame su di esso e senza ustionarvi cercate di rovesciare la tarte, senza aspettare, altrimenti rischiate che non si stacchi più. Lasciate intiepidire e servite. Buon appetito!

Advertisements

11 thoughts on “Tarte Tatin integrale

  1. Da qualche tempo seguo silenziosamente il tuo blog, non solo perché mi piacciono le tue ricette vegetali e integrali e perché anche io ho a poco a poco modificato la mia alimentazione, ma soprattutto perché mi piace il tuo modo di porgerle a chi ti legge. Per questa ragione oggi mi è venuto spontaneo scriverti un commento, che è anche un augurio per il nuovo anno, perché sia di impegno ma anche di allegria e di condivisione. Perché soli, davvero, assai poco riusciremmo a fare. La forza sta sempre nel gruppo, nel fare insieme, di questo sono sempre stata convinta.
    Un abbraccio

  2. Contraccambio gli auguri per un nuovo anno Migliore e ti ringrazio per l’appuntamento settimanale che ci riservi. Ho iniziato a seguirti per caso a seguito di un’intervista fatta a Marco Bianchi e da quel momento sei diventata un appuntamento simpatico e molto utile, inoltre ho cominciato a seguirti anche su Instagram. Nonostante non sia vegana e neppure vegetariana apprezzo tantissimo i tuoi principi e le tue ricette che sono entrate a far parte della mia cucina, che mi hanno aiutato le tante volte in cui proprio non sapevo cosa preparare.
    Grazie veramente di cuore.

  3. Leggo sempre con piacere le tue ricette….non è solo leggere il modus operandi di un piatto…è un po’ entrare nella tua cucina e osservarti mentre cucini.
    Ne approfitto anch’io per farti i miei migliori auguri per il nuovo anno e grazie!

  4. Contraccambio i tuoi auguri di buon anno… mi ritrovo pienamente nelle tue parole rispetto alle motivazioni che mi spingono a scrivere sul blog e sono contenta che tu continui a farlo proprio perchè più siamo più si fa breccia nel sentire comune.
    Da una vita che non faccio una tarte-tatin, mi hai fatto venire una voglia! Mi sa che a breve la provo, visto che tra l’altro le mele non mancano.
    PS: questa ricetta integrale sarebbe anche perfetta per la raccolta Integralmente d’inverno… se ti va di portarla… un abbraccio!

  5. Benritrovata cara,
    sei un bellissimo punto di riferimento e leggerti è un piacere, al di là della informazione e delle ricette.
    Notte e grazie della condivisione.
    Sissa

  6. Ciao! E un buon anno a te, prima di tutto! Questo è uno dei regali migliori che potevi farci per l’anno nuovo, adoro questo dolce e non l’avevo ancora mai sperimentato in chiave vegan.
    Ricordo un articolo che hai condiviso qualche settimana fa su facebook, che credo abbia contribuito abbastanza a queste riflessioni…ha fatto riflettere anche me, e pure io stavo cercando un modo per esternare i miei pensieri sulle pagine del mio blog, ma ancora non l’ho trovato. Non concordavo al 100% con quell’articolo, ma in alcune cose sì. Forse è quella violenza con cui i concetti vengono espressi, che conosco bene perchè in alcuni ambiti animalisti ci ho bazzicato negli anni passati, che più di tutto non mi piace, cosa che invece non appartiene di certo a te. Vedo delle similitudini nei nostri percorsi, come anche nel giovamento che troviamo nello staccarci un pochino dai nostri spazi virtuali ogni tanto…per me è rigenerante e mi fa ripartire con una carica tutta nuova!
    Grazie per questo tuo articolo, per la ricetta, per il tuo lavoro di condivisione.
    Claudia

  7. Prima cosa… buon anno cara, che il 2015 sia un anno da sogno! Le tue ricette sono sempre meravigliose, la tua filosofia di vita mi piace tantissimo pur non essendo io né vegetariana né vegana. Amo la cucina sana e cerco più possibile di portarla in tavola alla mia ciurma: le mie bimbe devono crescere bene! le tue ricette mi aiutano molto e seguirti per me è sempre uno stimolo in più! ti abbraccio

  8. Grande Capretta!!!!
    tanti auguri a te e grazie..è da stamattina che volevo scriverti perchè penso che ogni, anche piccolo, contributo che tolga un po’ di violenza dal mondo sia comunque un gran regalo , un seme che non può che lasciare del bene..ora te lo dico con ancora più riconoscente. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...