Sformato di patate, mele e cipolle

IMG_5285

Come ormai chi mi legge regolarmente avrà capito, amo molto girare e stare all’aria aperta, in mezzo alla Natura, e ogni volta che posso ne approfitto per organizzare una gita in posti lontani o un giro  più vicino a casa. Questo luglio dal clima  decisamente nordico, nonostante la pioggia si è rivelato perfetto per passeggiate a piedi e giri in bici, permettendomi di non faticare troppo anche nelle ore che dovrebbero essere più calde. D’altro canto mi è venuta anche voglia di un piatto caldo, che riprende ingredienti e sapori della tradizione del nord Italia e della Svizzera (conoscete il rosti?), ma rielaborato per essere più leggero e velocissimo da preparare. Ecco uno sformato il cui tempo di preparazione è di 10 minuti, più il tempo di cottura. Se per caso siete in vacanza in montagna o è una giornata particolarmente uggiosa potete cimentarvi nella sua preparazione, scegliendo di servirlo in una pirofila unica o in diverse monoporzioni.  Vi lascio anche qualche foto di un fine settimana di inizio giugno passato in montagna, dove la natura si stava risvegliando in alta quota, mentre più in basso la primavera era già inoltrata e stava dando i primi frutti e miriadi di fiori. Ho raccolto fiori di sambuco e foglie di nocciolo che ho essiccato e conservato per le tisane invernali, e ho fatto il pieno di luce ed aria frizzante prima di tornare nella pianura che tanto amiamo, ma che a volte ci sta davvero stretta.

E voi dove amate andare? Quali sono le vostre mete preferite e le attività all’aperto che prediligete? Buona settimana!

IMG_5308

Ingredienti:

350g di patate

1 cipolla

1 mela non acida

2 cucchiai di farina di mais

un cucchiaino di aghi di rosmarino secchi e sminuzzati

mezzo cucchiaino scarso di noce moscata

olio evo

sale

pepe

Procedimento: in una terrina grattugiate le patate, la mela e la cipolla, aggiungete la noce moscata, il rosmarino, sale, pepe, la farina, 2 cucchiai di olio e mescolate bene. Ungete abbondantemente una teglia e versatevi le verdure. Con un cucchiaio schiacciate bene. Infornate a 180° per 50-60 minuti. Servite caldo e buon appetito!

La Natura che si risveglia ad alta quota, mentre le ultime nevi si sciolgono

IMG_4909 IMG_4939 IMG_4937 IMG_4932 IMG_4919IMG_4965  IMG_4981 IMG_4983 IMG_4987

IMG_4979

Le vallate altotesine, piene di frutti e fiori

IMG_5041 IMG_5042 IMG_5050 IMG_5052 IMG_5060 IMG_5062 IMG_5067

Advertisements

13 thoughts on “Sformato di patate, mele e cipolle

  1. Arrghh Capra, sei forse l’unica che riesce così tanto a tentarmi con queste prelibatezze cotte (anche la teglia della settimana scorsa mi ha fatta sbavare), in un periodo in cui invece sono sostanzialmente attirata da frutta e verdure crude..
    Anche questo sformato è un vero attentato, sicuramente da salvare e ricordare per fine stagione, o…per le voglie che non assicuro non mancheranno! 😉
    Intanto la mangio con gli occhi, gnam!

  2. oh mamma, adoro questo sformato.. che, ti dirò, co sto tempo che gira fuori e il freschino di sti giorni lo mangerei proprio volentieri caldo..
    buonissimo

  3. È buonissimo, pero non dimentichiamo di aggiungere un po di pepe con il curcuma o curry: importantissimo anti-infiammatori,
    io aggiungo pure un po di zenzaro tritato, provate è buonissimo e molto salutare !!

  4. Che piatto!! Che foto!! Che belle sensazioni!! La montagna trasmette anche a me pace, serenità e un senso di libertà. Tu sai mettere sempre tutto egregiamente insieme.
    Splendido questo piatto: originale e affascinante ^_^
    Un abbraccio.

  5. che bello, una specie di super rosti yanghizzato al forno! mi segno pure questo, mi piacciono le patate “grattugiate” e cotte… belle foto, una mia amica i fiori di sambuco li frigge in pastella, io non ho ancora provato… è un’idea essiccarli per le tisane, brava! foglie di nocciolo? che benefici dà la tisana?

  6. l’ho fatto oggi! davvero gustoso, non è avanzato… purtroppo ho usato la carta da forno senza ungerla e mi si è appiccicato, ma il sapore è buonissimo. Non avevo la farina di mais e ho messo la farina di semola di grano duro, e la cipolla era rossa.

  7. Cara Capra, era un po’ che non ti seguivo!! adesso che ho due minuti recupero il tempo perduto 🙂 i tuoi piattini mi fanno davvero venire voglia di impegnarmi a spignattare 🙂 e le foto meravigliose di questo post mettono le ali ai piedi anche a una pigrona come me!! per fortuna che ho un fidanzato amante della montagna ❤ un bacione

  8. Grazie infinite, della ricetta e della foto! Devo guardarlo più spesso il tuo blog 🙂 , cioè adesso sono iscritta e vedo tutti gli aggiornamenti ma…. quante belle cose mi sono persa!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...