Farrotto ai topinambur e porro verde con chips

IMG_3568

In questi giorni si sta parlando molto di questo servizio mandato in onda dalle Iene in cui si parla delle correlazioni tra alimentazione e malattia. Ho letto tutto e il contrario di tutto sui social network, opinioni talvolta estreme, sia in un senso che nell’altro, vegan contro scienza, scienza contro vegan…una carneficina!!!  L’unica considerazione che mi sento di fare, dato che non sono un medico nè un nutrizionista, è che non esistono bacchette magiche per guarire. Ci sono fattori che aiutano a migliorare la propria condizione, sicuramente l’alimentazione è uno di questi, sia scegliendo cibi sani che diminuendo le quantità, ma non avverrà nessun miracolo improvviso, per uno che si salva, tanti altri non ce la fanno. L’unica cosa saggia che si può fare è adottare uno stile di vita sano che comprenda anche moderato esercizio fisico e poco stress ADESSO, senza aspettare di ammalarsi, perchè qualche frullato non cancellerà mai decenni di scorrette abitudini, soprattutto se sarete in una situazione di generale debilitazione. In una parola, occorre fare PREVENZIONE. Per chi decide di cambiare alimentazione il suggerimento che io mi permetto di dare è che non basta eliminare cibi animali (zuccheri e carboidrati raffinati, patatine fritte, grassi idrogenati,…sono alimenti vegetali, li definireste sani?), bisogna anche leggere, studiare, informarsi, confrontarsi, in pratica prendere in mano la propria dieta senza affidarsi al caso. Ad esempio se siete anemici dovreste sapere che non basta aumentare i cibi ricchi di ferro, ma occorre implementare anche l’apporto di vtamina C. Lo sapete vero che la vitamina C si “rovina” a contatto con luce e calore? Insomma, appassionatevi alla conoscenza, perchè ne va della vostra salute, e soprattutto non credete ai miracoli e ai guru da televendita che vi propongono soluzioni veloci.

Ora passiamo a cose concrete: che ne dite di questo farrotto per pranzo?

Ingredienti per 2 persone:

180g di farro

2 grossi topinambur

la parte verde di un porro recuperata invece di buttarla

la scorza grattugiata di un limone

brodo vegetale qb

prezzemolo

2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie

pepe

olio evo

Procedimento: pulite e affettate finemente il topinambur, tenetene da parte alcune fettine per le chips. Affettate anche il porro. In un tegame scaldate 3 cucchiai di olio, fate soffriggere il porro  per pochi minuti, aggiungete il topinambur e il farro. Coprite col brodo e mescolate. Aggiungete poco brodo alla volta, come per un risotto. Intanto preparate le chips friggendo il topinambur rimasto in olio evo, rigirandolo fino a quando diventa dorato su entrambi i lato. Fate asciugare le chips su carta assorbente senza schiacciarle. Quando il farro è cotto aggiungete il lievito, la scorza di limone, un po’ di pepe e impiattate. Spolverate col prezzemolo fresco e servite fumante. Buon appetito!

E ora vi lascio qualche foto fatta in giro, chi indovina che città è?

IMG_3478IMG_3496IMG_3483IMG_3470IMG_3468IMG_3467IMG_3476

IMG_3490IMG_3506IMG_3510

Annunci

7 thoughts on “Farrotto ai topinambur e porro verde con chips

  1. io la dott.sa de Petris del video delle iene la conosco, segue mia mamma e anche me (ho la visita di controllo sul mio piano alimentare fra un paio di settimane ) e non è una che promette miracoli.semplicemente dispensa buoni consigli sulle corrette combinazioni alimentari.non credo neanch’io ai guru (e la dottoressa non lo è di certo, anzi è concreta nel modo di esprimersi e di essere ), credo però che in diverse malattie eliminando le proteine animali, il quadro clinico possa migliorare.e non è mai troppo tardi per cambiare abitudini sbagliate e migliorarsi.

  2. @Valentina grazie per avere scritto, io la dottoressa invece non la conosco, e pertanto non mi riferivo a lei, ma ad altri personaggi che invece parlano con termini sensazionalistici che mi insospettiscono molto. L’intero servizio delle iene secondo me può essere male interpretato da chi è “a digiuno” su questi argomenti e ancor di più da un malato che si aggrapperebbe a qualsiasi speranza. E’ una questione seria la cura del cancro, pertanto andrebbe, secondo me, affrontata in maniera più approfondita e complessa, e soprattutto andrebbero potenziati gli aspetti di prevenzione.

    @Anna il libro di nutrizione che mi è piaciuto di più è Becoming Raw (http://www.amazon.it/Becoming-Raw-Essential-Guide-Vegan/dp/1570672385) che non è solo un testo di crudismo, è una miniera di informazioni, ma purtroppo si trova solo in inglese. Come siti invece a me piacciono questi:
    http://www.democraticnutrition.org/
    http://www.scienzavegetariana.it/

  3. Le estremizzazioni in un senso o nell’altro non sono mai la soluzione. L’equilibrio è una scelta vincente in questi casi.
    Concordo sul mangiare sano, basta poco e non è per nulla faticoso come la televisione ci vuole far credere.
    🙂

  4. Appassionatevi alla conoscenza. Grande!!!!! La consapevolezza e coerenza, il desiderio di conoscere e il confronto. Tutte qualità necessarie per predisporsi ad uno stile di vita sano. Mi piace molto questo post, mi piace molto il tuo piatto, e mi piace anche l’ “invece di buttarla”. Grande!!

  5. IO CONDIVIDO IN PIENO L’IDEA CHE SIAMO CIO’ CHE MANGIAMO …
    PER CUI MEGLIO MANGIARE BENE PER STARE BENE … E IL TUO FARROTTO MI SEMBRA PROPRIO IL GIUSTO MIX TRA GUSTO E SALUTE ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...