Maltagliati primaverili

maltagliati

A casa mia in Romagna, come sapete, per le feste si prepara sempre la pasta. Quando ero piccola, il rito si ripeteva immutabile in ogni occasione, e, finita di preparare la pasta per il pranzo di Pasqua, di Natale, o semplicemente della domenica, rimaneva sempre un po’ di sfoglia ritagliata o da stendere. Con questa sfoglia si preparavano i maltagliati, che come dice il nome hanno forma irregolare, in quanto si tratta di un formato di recupero. Mia nonna prendeva l’impasto avanzato, lo stendeva in larghe strisce, lo faceva seccare a sufficienza, poi lo arrotolava e col coltello ne tagliava gli angoli, un po’ alla volta, fino alla fine. Questa pasta veniva cosparsa di farina, lasciata seccare completamente e consumata durante la settimana successiva. La ricetta classica che preparava erano i maltagliati coi fagioli, al mercoledì, al mercato, si compravano i fagioli freschi, poi si sgranavano, se ne congelava una parte e si lessavano quelli sufficienti per quel giorno. Nella loro acqua di cottura, insaporita a dovere, venivano poi  lessati i maltagliati, e il piatto fumante arrivava a tavola per pranzo.Per Pasqua ho preparato le lasagne al forno, con besciamella e ragù di okara, e con la pasta avanzata ho preparato i maltagliati che abbiamo mangiato oggi a pranzo. Ho cambiato un po’ la ricetta, rimangono maltagliati e fagioli, ma ho aggiunto tante verdurine che ho cotto per pochissimo tempo, in modo da far permanere il loro sapore individuale e da non perderne la croccantezza. Ecco come fare.

Ingredienti per 2

2 porzioni di maltagliati ben seccati realizzati con semola di grano, olio, curcuma a piacere

una cipolla rossa

una carota, mezza costa di sedano

4 pomodorini

mezza zucchina

80 g di borlotti lessati

rosmarino

olio

sale

Procedimento: pulite le verdure, tagliatele a cubetti e tenetele separate. In un tegame soffriggete la cipolla in poco olio, quando inizia ad appassire aggiungete le carote e il sedano, fate saltare qualche minuto, poi aggiungete i pomodori, cuocete per un minuto. Aggiungete le zucchine e poi immediatamente i maltagliati. Copriteli di acqua bollente, salate, e aggiungete i fagioli. Questo piatto non è una zuppa, quindi mettete acqua fino a coprire appena i maltagliati. Fate andare a fuoco vivace, e se il liquido si restringe troppo aggiungete altra acqua, come se steste facendo un risotto. Aggiungete anche qualche foglia di rosmarino. Non appena i maltagliati sono cotti impiattate e aggiungete un giro di olio di oliva. Serviteli fumanti e buon appetito!

Annunci

7 thoughts on “Maltagliati primaverili

  1. Che bei colori e che bel piatto 🙂
    E’ bello leggere quello che ci hanno lasciato ed insegnato i nonni!
    Questo piatto è fantastico e molto nutriente, con questo freddo direi che ancora ci vuole un piatto bello fumante e ricco 😀

  2. che almeno in questo piatto ci sia un pizzico di primavera.. golosa di colori e profumi freschi, andrei pazza di questo piatto! baci
    luisa

  3. nooo…..i maltagliati con i fagioli me li faceva la nonna da piccola!!! che ricordi che mi hai fatto tornare in mente!! (certo, lei li “arricchiva” con cotenna di prosciutto e credo anche sofritto di pancetta…), non vedo l’ora di provare questa ricetta, al prossimo giro di pasta fresca li preparo! un bacione!

  4. colori stupendi! peccato che nella mia zona di primavera non se ne veda…io però i maltagliati li mangio lo stesso 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...