Borsh

Il borsch è un piatto molto diffuso nell’Europa centrale e orientale, e ogni paese ha la sua variante. L’idea di prepararlo è venuta dal fatto che la Capra ha recentemente avuto un’ospite dalla Lituania, alla quale ovviamente non poteva che chiedere informazioni sulla cucina del suo Paese! La Capra ha così scoperto che di questa zuppa ne esiste una versione calda e una fredda, a seconda della stagione in cui la si consuma. Navigando sul web si trovano infinite ricette, la Capra non ne ha trovate 2 uguali quindi quella che vi propone è una sintesi di quanto appreso, e come al solito ci ha messo del suo nel rendere tutto completamente vegetale! Colonna sonora consigliata: QUESTA! E voi che piatti dell’est conoscete e preparate?

Ingredienti:

3 barbabietole

1 cipolla

3 spicchi di aglio

2 carote

3 patate novelle

1 verza piccola

2l di brodo vegetale

250 g di seitan

250g di yogurt di soia

il succo di un limone

erba cipollina

aneto

sale

3 cucchiai di aceto di mele

1 cucchiaino di zucchero integrale di canna

olio evo

Procedimento: 2 giorni prima di preparare il borsch mettete lo yogurt a scolare in frigorifero. Lo utilizzeremo per preparare un sostituto della panna acida, che generalmente viene servita per accompagnare la zuppa. Passati i 2 giorni avrete uno yogurt densissimo. Conditelo con il succo del limone, sale, erba cipollina e aneto, mescolate bene e tenete da parte. Sbucciate le barbabietole, lessatele finchè non diventano molto morbide, prelevatele dalla loro acqua che conserverete e mettetele in una terrina dove le sminuzzerete. Pulite e tagliate anche le altre verdure: le carote a dadini, la verza a listarelle, la patata a tocchetti più o meno grandi, a seconda di come preferite  Affettate la cipolla e l’aglio, fateli soffriggere con abbondante olio e aggiungete il seitan a pezzi. Fate rosolare poi unite anche le carote e le altre verdure, dopo un paio di minuti aggiungete il brodo, un litro di acqua di cottura delle barbabietole, l’aceto, lo zucchero e fate bollire a lungo. Una volta pronto, servite nei piatti e aggiungete una cucchiaiata del composto a base di yogurt. Buon appetito!

Annunci

13 thoughts on “Borsh

  1. Il Barsch si fa anche da noi in Polonia, una delle poche zuppe che sono senza carne :)) Ionon gli metto manco la panna acida, è buono così. Con lo youghurt si prepara invece la versione fredda (che in polacco si chiama chlodnik) che è rosa ma a me non piace 🙂

    Altri piatti della tradizione che cucino sono i pierogi, ravioloni a mezzaluna. Facendoli in casa ci metto il ripieno che voglio anche se tradizionalmente ci vanno patate e formaggio tipo ricotta, o cavolo e funghi (i miei preferiti) 🙂

  2. Interessante…. non conosco la versione originale, ma questa veganizzazione mi sembra perfetta!!!! lo yogurt è una bella nota di colore sulla zuppa e sicuramente si armonizza perfettamente con il sapore predominante delle barbabietole!!!! bellissima ricetta 🙂

  3. Non lo conoscevo, ma ha un aspetto eccellente!!! Bravissima, mi piace molto!!!
    Il gulash lo metto tra le preparazioni dell’est europa. E lo facciamo di seitan, ovviamente.. Buonissimo!

  4. ecco una cosa che mi piace molto, vado matta per zuppe creme e Co…..e grazie a te e anche a Katarzyna Zaccaria Cowan che mi ha spinto ancora un po’ in là la curiosità :))

  5. @Katarzyna: grazie delle preziose informazioni! Anche la mia ospite mi ha parlato della zuppa fredda, ma mi ha detto di aver cucinato piatti tradizionali solo 2 volte quindi non mi ha lasciato ricette! Grazie per aver condiviso un pezzo della tua cultura, se hai altre idee da darci siamo qui 😀

  6. ah questa l’adoro! mia suocera polacca la fa sia calda che fredda…… esiste anche una versione bianca con la farina fermentata. love love love!

  7. Che particolare questa zuppa, bella rossa con quel bel vegrino a risaltare nel centro! Mi piacciono molto le veganizzazioni, non conosco l’originale ma questa mi sembra proprio buonissima! ^_^

  8. Credo che la ricetta originale contenga la carne, ma alcuni miei amici russi preparano il borsch in versione ”vegetariana” per me, con barbabietole, patate e pomodoro. Non ho mai provato con lo yogurt (scommetto che loro userebbero il kefir!) nè con il seitan, ma sicuramente è un ottimo suggerimento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...