Capramole e racconti di viaggio (terza parte)

Perchè non è un guacamole, attenzione! Grazie ad un leggero (e ormai lontano nel tempo) abbassamento delle temperature, la Capra ha pensato di impastare il pane, e l’ha accompagnato con una salsa a base di avocado. Inutile dilungarsi, per farvi un’idea di come sia leggete gli ingredienti!

Ingredienti:

1 avocado maturo

il succo di 1 lime

1 cm di radice fresca di zenzero

1spicchio di aglio

1 cucchiaio di aneto esiccato

3 cucchiaini di tahin (pasta di sesamo)

1 pomodoro privato dei semi e tagliato a cubetti

sale qb

Procedimento: Sbucciate l’avocado e mettetelo nel mixer con tutti gli altri ingredienti ad eccezione dell’aneto e del pomodoro, che aggiungerete dopo aver creato una purea. Servite con pane tostato.

Questa è decisamente una ricetta salva tempo! Ma ora come promesso nello scorso post eccovi alcune foto che vi raccontano un po’ della tappa della Capra e del Caprone a Salisburgo, magnifica città dai tenui colori e dall’elegante fascino.

Una delle cose più belle che potete fare è visitare il mercato cittadino in centro, per ammirare ed assaggiare i prodotti locali. Si trovano moltissime varietà di ortaggi che da noi sono abbastanza standardizzati, ad esempio carote e rape dai vari colori, funghi freschi di vario genere, pani fantasiosi. Tra una bancarella e l’altra c’è sempre modo di fermarsi a gustare un Bretzel e a bere un aperitivo. Va molto di moda l’Hugo, un aperitivo a base di sciroppo di sambuco, vino bianco  frizzante, lime e menta, davvero gradevole e dissetante.

Tra i palazzi storici, residenze di nobili, teatri per concerti e chiese potete imbattervi anche  in opere contemporanee, ad esempio le sculture a forma di cetriolino, che sono piaciute tanto al Caprone!  Salisburgo è  una città fortemente turistica, con tutto ciò che questo comporta, a partire dalle migliaia e migliaia di souvenir e cioccolatini con l’effige del cittadino più illustre: Mozart. Troverete anche tantissimi locali dove  degustare una birra, magari in uno degli innumerevoli giardini interni, con tavolini circondati da piante sopra letti di ghiaia. Salisburgo, Salis – burgo, è la città del sale, infatti nei suoi dintorni era molto importante l’estrazione di questo conservante naturale,  e in centro trovate anche negozi che ne vendono di svariati tipi.

La  musica non manca certo a Salisburgo, in estate specialmente potrete assistere a numerosi concerti tradizionali o classici. Una gita che vi impiegherà quasi una giornata  e che vale la pena di fare è alla fortezza antica, situata proprio sopra la città. Da lì godrete di una vista panoramica della città senza eguali.

Ma come sempre la cosa migliore è camminare e perdersi per le stradine!

Eccoci ai consueti consigli per i pasti vegetali! Oltre ai supermercati sempre ben forniti, la Capra e il Caprone hanno testato un paio di localini dove con poco più di 10 € a testa potrete riempirvi a volontà!

Il primo è Spicy Spices (Wolf-Dietrich strasse n1), ristorante con specialità orientali vegane e vegetariane. La capra ha mangiato un tofu alla giapponese con riso e con un mix di verdure alle spezie, e un’insalata fresca con germogli. Il locale è a conduzione familiare, molto piacevole e in posizione centrale.

Il secondo locale provato è Heart of Joy (Franz Josef Strasse 3), un café con possibilità di mangiare discretamente. Il locale è pieno di poster e depliants di Sri Chinmoy! La Capra ha mangiato una zuppa di lenticchie indiana e un chily di verdure e tofu, servito con riso integrale.

Sarebbero tante le cose da dire su Salisburgo, ma la Capra non vuole svelare altro, perchè è una città talmente deliziosa che dovete per forza visitarla!

La Cucina della Capra è anche su facebook!

Advertisements

10 thoughts on “Capramole e racconti di viaggio (terza parte)

  1. Curiosa questa variante del guacamole…. interessante l’abbinamento con lo zenzero, da provare! E che dire di queste belle foto di Salisburgo! Mai stata, e’ sulla lista dei posti dove andare. Thanks for sharing!

  2. Io adoro il guacamole e mi incuriosisce la tua versione, ma la tahina non la rende leggermente amara?! 😦
    Confermo quanto sia bella Salisburgo, ho avuto la fortuna di andare l’anno scorso ed è Un posto un pò fuori dal tempo, nella sua piccola dimensione….. Tutto sembra funzionare perfettamente…… Mi è piaciuta tantissimo 😀

  3. mi piace molto l’aggiunta dell’aneto che io amo moltissimo.
    non sono mai stata nella maggior parte delle grandi (e splendide) città Europee, grazie per le tue immagini 🙂

  4. Il tuo Capramole ha tutti i numeri per farmi impazzire: l’aneto, la Tahina, lo zenzero…. grazie! E grazie per avermi riportata per un pochino a Salisburgo, dove ho studiato e lasciato un pezzetto di cuore 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...