Domatokeftedes (frittelle greche al pomodoro)

Mica capita tutti i giorni di potersi fare un regalo! E l’altro  ieri era uno di quei giorni per la Capra, di quelli in cui finalmente ti concedi qualcosa che volevi da molto tempo, ma che per un motivo o per l’altro avevi sempre desistito dall’acquistare. La Capra si è regalata  “La Cucina di Vefa“, un ricettario greco che contiene decine e decine di ricette tradizionali. Ovviamente non sono tutte vegetali, anzi, ci sono un bel po’ di poveri animali, però ce ne sono molte adatte ai vegani, e altre facilmente adattabili, soprattutto se come la Capra sentite la salivazione aumentare al solo pensiero della cucina greca!

La prima ricetta provata sono i Domatokeftedes, delle frittelline originarie di Santorini a base di pomodoro e cipolla, semplici da preparare e molto saporite, serve solo un po’ di tempo per aspettare che le verdure perdano la loro acqua, ma tutte le altre operazioni richiedono pochi minuti.

Ingredienti:

1kg di pomodori maturi

500g di cipolla

25g di menta fresca tritata

1 cucchiaino di origano

sale e pepe

175g di farina (la Capra ha usato quella integrale)

olio vegetale per friggere

Procedimento: La preparazione di questo piatto non è andata proprio liscia, nel senso che nella ricetta c’era scritto di tagliare i pomodori a cubetti. Non so se è un errore di traduzione, però non vanno tagliati così, la ricetta non riuscirebbe, quindi date retta alla Capra  (che ha poi fatto una ricerca su google!)  e, una volta  tolti i semi ai pomodori, grattugiateli o tritateli finemente. Mi raccomando non metteteli nel frullatore.  Prendete i pomodori, metteteli in uno scolapasta cosparsi di un po’ di sale e lasciateli perdere il loro liquido per 1 o 2 ore. Fate la stessa cosa con la cipolla dopo averla grattugiata. Il risultato deve essere un battuto fine, non una dadolata.  Passato il tempo necessario a perdere acqua, sciacquate e strizzate le verdure, mettetele in una terrina con le erbe sminuzzate e aggiungete la farina mescolando, fino a creare una pastella soda. Aggiungete una cucchiaiata di farina alla volta per regolarvi con la quantità. Aggiustate di sale e pepe.  Scaldate abbondante olio in una padella e quando è caldo versate l’impasto a cucchiaiate e fate dorare le frittelle su entrambi i lati. La ricetta di Vefa prevedeva nell’impasto anche un cucchiaino di lievito istantaneo, ma la Capra non l’ha usato.  Servite le frittelle calde dopo averle asciugate su carta assorbente.

Che ve ne pare? Questa ricetta è proprio nelle corde della Capra, che per una volta ha pure fritto, cosa che non fa quasi mai! Mi sa che questa è la prima di una serie di post sulla cucina greca, quindi mentre la Capra va in vacanza per le prossime 3 settimane tenetevi leggeri!!!

Advertisements

22 thoughts on “Domatokeftedes (frittelle greche al pomodoro)

  1. Lo voglio anche io quel libro!! ç_ç Ma in realtà sono troppi i libri che vorrei… ç_ç
    Buonissima la ricetta e che belle foto!! 🙂
    Buona giornata, smack

  2. non sei l’unica che adora la cucina greca!! … io della grecia adoro tutto, il mare, il sole, la gente, i colori e .. la cucina! ..
    Sono stata a santorini ma queste frittelle non le ho assaggiate. Approfitterò della tua ricetta per provare a rifarle..

  3. Bellissime frittelle le voglio provare 🙂 evito il fritto e provo il forno (ci provo)
    Ora al rientro di Adry, che non c’è, testo la ricetta… Altrimenti la testo con mia madre… Ora vedo insomma, comunque invitante ricetta… Mi vado a vedere il ricettario 😉

  4. Ah ma che meraviglia queste frittelle, brava! io non friggo perchè altrimenti tutta la casa sa di unto, ma passo la ricetta ai miei genitori, implorando mia mamma che me la faccia presto. Buone vacanze cara!!

  5. Invitanti….. stuzzicanti, mi piacciono tantissimo!!!!! dovrò provarle magari personalizzando leggermente la ricetta, sono davvero favolose 🙂

  6. Che buone queste frittelle e che ricordi … A me la cucina greca piace molto, non sono mai stata in Grecia ma ho lavorato in un hotel con risto greco e verso ora di pranzo i cuochi mi preparavano sempre qualcosina veg x me! ^_^

  7. Pingback: Pomodori in cucina: giro dell’ Europa in 4 ricette – fattorialeprata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...