Nocheesecake alle melanzane

melanzane cheesecake

Avete mai mangiato una cheesecake salata? E preparata senza il formaggio? Eccovi una ricetta freschissima e super light, come al solito vegetale. Nella foto vedete una cheesecake alle melanzane del diametro di circa 10 cm, per 2 persone, però se volete cimentarvi potete prepararla anche monoporzione, con una colonna di fette di melanzana sovrapposte, un piatto sicuramente d’effetto se avete ospiti, anche se la Capra è dell’idea che anche noi siamo ospiti di noi stessi, quindi, per usare una metafora, il vino buono ce lo possiamo versare tutti i giorni!

Ingredienti:

2 pacchetti di crackers

un cucchiaio di margarina

una melanzana

150g di yogurt di soia

succo di limone

1 spicchio di aglio

una manciata abbondante di foglie di menta

un  paio di rametti di timo

qualche foglia di basilico

sale

olio evo

Procedimento: Mettete a scolare lo yogurt per almeno 12 ore in un colino con un telo, in modo che perda parte del liquido. In un recipiente unite allo yogurt una spruzzata di limone e sale, poi aggiungete le erbe e l’aglio tritati molto finemente. Lasciate riposare altre 12 ore così che si insaporisca. Affettate finemente la melanzana e lasciatela per un po’ sotto sale, per perdere il liquido, poi sciacquatela e passatela in una padella o su una griglia con poco olio per pochi minuti, evitando che si bruci. Lasciate raffreddare in un piatto. Nel frattempo preparate la base sbriciolando i crackers e unendovi la margarina fusa. Amalgamate bene e se necessario salate. Prendete uno stampo con la cerniera e versate la base. Con una forchetta schiacciate bene per compattare e lasciate riposare in frigorifero. Quando la base si è compattata e le melanzane sono fredde siete pronti per comporre la cheesecake: sulla base dispondete uno strato di fette di melanzana, poi uno strato di yogurt, e via così alternando fino alla finchè non avete finito gli ingredienti. Lasciate riposare in frigorifero prima di servire.

passaggio segreto

 

E ora vi voglio raccontare di un posto che a Ferrara molti visitatori non conoscono, ma che per la Capra e il Caprone è uno dei più belli. Si tratta di Terraviva, una fetta di campagna all’interno delle mura, tra il cimitero della Certosa e quello Ebraico. In questo posto dagli anni 80 i soci dell’associazione sperimentano tecniche colturali e pedagogiche alternative, dall’agricoltura biodinamica alla pedagogia staineriana. Ci si arriva a piedi o in bici, all’ingresso si trovano dei cartelli che invitano al silenzio e alla meditazione, e man mano che si prosegue si sente la mente che si ossigena, a poco a poco ci si sente più distesi, e quando si arriva si rimane incantati dallo spettacolo fiabesco. Per prima cosa c’è una casetta in legno dove si possono acquistare prodotti biologici, con tavoli all’esterno  dove sostare per un succo di mela fresco, una birra, una fetta di cocomero o un buon vino bio. Entrando si vede un campo coltivato, e dietro un incredibile orto condiviso sinergico, colorato e ricco di una gran varietà di ortaggi. Questo orto è fatto dai soci ed è autogestito. I soci hanno costruito tutto, dal capanno degli attrezzi, ai bancali, all’impianto a goccia.

 

 

 

orto condiviso

 

Proseguendo si trovano altre costruzioni in legno, una cucina attrezzata, un laboratorio di falegnameria, una tettoia per le conferenze, una casetta per la scuola materna staineriana, mentre dalla parte opposta ci sono 2 casette sugli alberi, un ponte di corda e una passerella in mezzo a un boschetto di bambù, un frutteto dalle varietà antiche, e tante tante piante.

 

ponte bambu

 

 

casa sull' albero

Unica nota dolente, l’aia che ospita lle galline e le arnie con le api.

Se volete andare vi consiglio di passarci al sabato o alla domenica, perchè d’estate durante la settimana ci sono i campi estivi dei bimbi, e l’ingresso è vietato per ovvie ragioni di sicurezza. Terraviva è bella in tutte le stagioni, è un angolo segreto di paradiso in mezzo al traffico della città. I tramonti lì sono ancora più suggestivi, e ci si dimentica degli affanni.

Buona settimana a tutti!

Annunci

33 thoughts on “Nocheesecake alle melanzane

  1. Anche questa è una preparazione fresca e d’effetto, ma anche questa volta devo aspettare il rimpatrio per assaggiarla, ma non me la dimenticherò !!
    Questo luogo invece è proprio magico, ce ne vorrebbe almeno uno in ogni città!!!!

  2. beh, secondo me viene bene con molti tipi di verdura, basta abbinare le aromatiche giuste! potresti usare pomodoro e basilico, o tentare con le zucchine! Terraviva piace a tutti, e hai ragione, cene vorrebbe uno in ogni città, anzi, le città dovrebbero essere fatte al contrario, tutte così, e poi se proprio proprio una piccola area cementata segreta! 😀

  3. Capra! per l’ennesima volta hai fatto breccia nel mio palato! 😀
    E poi la presentazione è davvero bella!
    Bellissimo questo posticino incantato 😉

  4. Che spettacolo!!! La cheesecake vegan salata mai fatta! Usare il vegrino è la mia passione (di dolci ne faccio a iosa) ora andrò anche di salato! ^_^

  5. Freschissima la tua nocheesecake, invitante e stuzzicante!!!!! mi piace 😛 Che dire delle immagini, mi piacerebbe visitare questo luogo magico, incantato!!!! dovrò rimandare al prossimo anno, a fine mese sono in zona ma solo un passaggio veloce, molto veloce 😛

  6. Devo farti una lista lunghissima di complimenti!! da dove comincio?
    1) le icone per tutti i commenti sono carinissime
    2) questa ricetta la voglio assolutamente provare, è scenografica e il gusto mi sembra originale, un nuovo modo di gustarsi la melanzana
    3) grazie per le notizie su questo splendido posto di Ferrara, magari vado a farci un giro con Benna un fine settimana. è sempre aperto?

    Sempre splendide le tue foto, complimenti cara!

  7. Grazie per tutto 😀 Terraviva è aperto fino alle 19,30 circa poi chiudono la ciclabile che ci passa! Tutti gli anni fanno una fantastica festa di primavera, l’anno prossimo la pubblicizzerò per tempo, perchè merita davvero!

  8. La ricetta è bellissima ed è un’ottima idea fresca da provare, per Adry provo con le zucchine grandi di mia zia, non ama le melanzane… Io le adoro ^^

    Il luogo è incantevole, come hai detto tu un angolo di paradiso stupendo… E poi porta un nome bellissimo “Terraviva”… Cosa aggiungere a questo nome che già dice tutto! Un piccolo paradiso per ritrovarsi fuori dal caos e smog della città!
    Stupendo 🙂

  9. Questa non-cheese cake di melanzane é strepitosa come anche la foto. Il posticino che hai presentato sembra davvero un angolo di paradiso e ti ringrazio per averlo condiviso. Ciao, Leti

  10. Son corsa qui direttamente dal blog di Chiara!!! Complimenti davvero per questa ricetta.. Non son vegetariana.. ma adoro tantissimo le verdure.. quindi.. credo che troverò degli spunti nel tuo blog! baci e buona giornata:-)

  11. Bella questa ricetta. Mi piace molto l’idea di sovrapporre le fette di melanzana e il formaggio di yogurt aromatizzato.Dev’essere un insieme assai gradito al palato.
    Arrivo anch’io su segnalazione dell’amica Chiara.
    Interessantissimo blog, complimenti!

  12. Pingback: Il 2012 in 12 ricette! | La Cucina della Capra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...