Crescioni con verdure alla maggiorana

La Capra da piccola veniva spesso scarrozzata da Mamma Capra, che chiusa in casa proprio non ci sa stare, quindi ogni scusa era buona per fare un giretto per la Romagna sulla sua vecchia Panda marrone da combattimento , e ovviamente una passeggiata che si rispetti prevedeva una sosta dal piadinaro, se no che si usciva a fare?  Tra le varie specialità nei tipici chioschetti a righe bianchi e rossi, o bianchi e verdi,  o bianchi e blu si può trovare una cosa chiamata crescione, proprio come la pianta che tutti conosciamo, e che in effetti era utilizzata nel ripieno di questo piatto. Si tratta di calzoni fatti con l’impasto della piadina  e farciti nella maniere più disparate a seconda di dove venivano cucinati. Tra i gusti classici che si possono trovare adesso ci sono i calzoni ripieni di erbette e formaggio, oppure quelli con un ripieno di pomodoro e mozzarella, che la Capra mangiava da piccina. Purtroppo è molto difficile trovare dei piadinari che usino l’olio invece dello strutto, anche se un po’ per volta alcuni stanno iniziando a proporre questa alternativa vegetale, decisamente molto più sana e  cruelty free, quindi se per caso vi capita di fare un giro da quelle parti informatevi prima di rinunciare, una piadina all’olio con verdure grigliate è un ottimo spuntino da passeggio! La ricetta che la Capra vi propone oggi non è molto ortodossa, sia per quanto riguarda l’impasto, sia per il ripieno, ma  anche per la cottura, che andrebbe fatta su una piastra,  ma a lei piace sperimentare, e il risultato è davvero gradevole, e la Capra non poteva non dare il nome di crescione!

Ingredienti:

farina integrale bio

1 patata di medie dimensioni

1 cipolla rossa

1 mela

1 zucchina

un mazzetto di maggiorana

qualche foglia di cedrina

olio evo

sale

pepe

acqua

Procedimento: in una ciotola impastate la farina con 5 cucchiai di olio, una presa abbondante di sale e dell’acqua. Lasciate riposare l’impasto intanto che preparate il ripieno. Tritate la cipolla e mettetela in una padella a soffriggere con dell’olio evo e un po’ di sale, grattugiate la patata e la mela, e tagliate a cubetti la zucchina. Aggiungete il tutto alla cipolla, fate soffriggere un po’  e poi aggiungete un bicchiere di acqua. Lasciate cuocere finchè le patate non si disfano, se serve aggiungete altra acqua, per non bruciare il ripieno. Un minuto prima di spegnere aggiungete le erbe tritate finemente, poi salate e pepate quanto serve.  Intanto che il ripieno si raffredda prendete l’impasto,  suddividetelo in parti un po’ più grandi di una noce, e  stendete creando dei dischi dello spessore di 2 mm. Al centro dei dischi mettte un po’ di ripieno, poi chiudete come per fare dei ravioli, sigillando bene con una forchetta. Spennellate con olio  e infornate a 180° per 20 minuti. Lasciate raffreddare un po’ prima di servire. Se volete potete accompagnare con una salsa semplice di yogurt di soia e menta fresca tritata finemente, o con del chutney. Buon appetito!

Advertisements

23 thoughts on “Crescioni con verdure alla maggiorana

  1. Cara Capretta,
    di che parte della Romagna sei? qui a Rimini li chiamiamo “cassoni” o “cascioni”, ma ho ben capito di quale bontà parli…ahimé trovarli senza strutto è un’impresa, ma qualcosa, come dici tu, si rimedia 🙂 La tua versione mi pare ottima ^____^

  2. ma che buoni i crescioni!!!! Anch’io ogni tanto li faccio, in alternativa alla piadina, però li cuocio in padella (quindi non sono proprio veri crescioni, in effetti…), mi fanno tanto “vacanza al mare”, che meraviglia! Mi segno subito la tua ricetta, questo ripieno è davvero un’ottima idea! un bacio

  3. Ciao Katy, io sono delle parti di Ravenna, dove hanno solo questo nome. Ho provato le piade all’olio dei supermercati, ma non hanno niente a che vedere con la vera piadina, quella alta e soffice dei chioschetti!

  4. Ciao Sara, la padella alla fine funziona un po’ come la piastra, da noi si trova un tegame che si chiama testo romagnolo, è piatto e grande, te lo consiglio per cuocere le piade (o le crepes!) sul fornello!

  5. Non so perché, ma trovo spesso difficoltà a postare un messaggio nella tua cucina. Così ho provato e riprovato, perché volevo proprio dirtelo: questi crescioni ( di cui non sapevo l’esistenza) devono essere la fine del mondo! 🙂 Bravissima!

  6. Oooohhhh ma che meraviglia questi crescioni con quel bel ripieno… Gnammete!
    Molti anni fa sono stata a Rimini e Riccione ma non ricordo di aver assaggiato la piadina, ancora non ero vegan ma di certo lo strutto non era il mio alimento preferito!
    Comunque se ricapito da quelle parti di certo non mi faccio mancare l’assaggio con esplicita richiesta degli ingredienti che compongono l’impasto 😉
    Intanto prendo la tua ricetta e provo 😀

  7. Ma che buoni questi piccoli calzoni che quindi se ho ben capito si chiamano crescioni?…l’interno con patata, mela e cipolla sara’ buonissimo…e’ sicuro che li provo. Grazie

  8. Gustossimi…….. mi faccio spesso la piadina, la prossima volta provo a fare i Crescioni, sembrano gustosissimi anzi saranno sicuramente gustosissimi!!!!
    Lo scorso anno ho passato una settimana a Rimini per la precisione a Viserbella, non sono riuscita a trovare la piadina vegan, ovunque era con lo strutto 😦 volevo assaggiare fatta da una piadineria, ma non ci sono riuscita. A fine mese torno a Rimini per un paio di giorni, continuerò la ricerca!!!!! si sa mai……

  9. E’ da poco che visito il tuo blog(fantastico) volevo provare a fare i crescioni,quanta farina bisogna mettere? ciao e grazie:)

  10. Ciao Lucia! Benvenuta! Io di solito calcolo sui 100 g a persona, poi vedi tu se farne uno più grande o diversi più piccoli! Se avete particolarmente fame aumenta le dosi! A presto!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...