Inverno

L’inverno finalmente è arrivato, e con lui lo stato letargico della Capra che si sposta praticamente solo per andare al lavoro.

Fedele ai buoni propositi (per ora) ha rallentato l’attività culinaria quindi le foto che vedete sono “di repertorio”, ovvero di una cena fatta tempo fa con gli amici, in cui la Capra ha cucinato tante cose che in parte è riuscita a fotografare, ma di cui non ha segnato ingredienti nè procedimento. Trattasi nell’ordine di torta superporcella alle nocciole , topinambur dell’orto lessato e condito con cedrina, e fagioli neri con cipolla, maggiorana e semi di girasole. C’erano anche molte altre goloserie, ma non ne rimane traccia digitale!

In questi giorni uscire in bicicletta per andare al lavoro è particolarmente rinfrescante, e anche divertente perchè la Capra si ferma a fotografare la  galaverna che riveste gli alberi simulando una nevicata, mentre in realtà si tratta di ghiaccio che si forma in presenza della nebbia, che qua non manca di certo! La Capra consiglia a tutte le amanti di Avalon un suggestivo week end nella transilvanica bassa padana, ma non aspettatevi di aprire le nebbie, qua, quando arriva, dura giorni e giorni, e bisogna sforzarsi per ricordarsi di che colore sia il cielo.

 

Negli angoli più riparati, tuttavia, le alte temperature di quest’anno stanno già facendo sbocciare i primi Calicanti, il cui profumo si avverte a metri di distanza e che ci preannuncia, forse illudendoci un poco, la primavera

Questa è la foto di un elleboro, detto anche rosa d’inverno,  avvistato l’anno scorso a fine inverno in collina. Quest’anno, nello stesso posto, gli ellebori sono  pieni di foglie, il caldo li ha coccolati, ma forse presto la neve li ricoprirà, per donare loro nuova forza vitale al ritorno dei raggi del sole.

E voi quanto tempo state passando con una coperta sulle ginocchia?

 

Annunci

10 thoughts on “Inverno

  1. ok, no, la ricetta della torta te la DEVI ricordare! mi viene il mostro mangiatutto solo a vederla!!
    Qui niente coperta sulle ginocchia data l’attività del tartarugo, ma idealmente sarei sempre lì.. e poi.. finalmente inverno! ^_^

  2. Ciao 🙂
    Per me niente coperta sulle ginocchia, ma lavoro senza togliermi il cappotto, e se viene giù la neve me ne sto a casa, giurin giurello

  3. La coperta sta facendo le radici addosso a me praticamente! Quest’anno il letargo è particolarmente virulento!
    Al lavoro in bici…complimenti! Io non ce la posso fare…

  4. la galaverna la fa da padrona, mi evoca ricordi bellissimi e da molto tempo non si faceva viva dalle nostre parti….
    questo inverno mi ricorda gli inverni “normali” con i quali sono cresciuta, mi piace molto e mi fa sentire protetta e sicura, non so perchè….e gli spettacoli sono così, come quelli che hai fotografato, da sogno 🙂

  5. In realtà sono fortunata e ci metto 10 minuti da casa al lavoro pedalando, e per fortuna c’è anche una nuovissima ciclabile perchè è una delle strade più trafficate. Purtroppo mi respiro tante schifezze, d’altra parte abbiamo un polo chimici alle porte della città…..
    C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...